Berlino

KaDeWe: Kaufhaus des Westens è un grande magazzino di Berlino con un assortimento sofisticato e di lusso, fondato da Adolf Jandorf ed inaugurato il 27 marzo 1907. Si trova nel quartiere di Schöneberg, nella Tauentzienstraße all’angolo con Wittenbergplatz, ed è il grande magazzino più famoso di tutta la Germania. Nel corso della sua storia travagliata è stato ampliato e restaurato più volte; si sono susseguite 5 diverse società madri (dal febbraio 1994 appartiene a Karstadt) e durante la seconda guerra mondiale è stato distrutto da un incendio. Oggi il Kadewe, con i suoi 60.000 metri quadrati di superficie di vendita, è il grande magazzino più esteso dell’Europa continentale. Il reparto delle specialità gastronomiche costruito negli anni 20, il cosiddetto “Feinschmeckeretage”, è particolarmente rinomato: a seguito dell’ampliamento del 1978 è il secondo reparto di generi alimentari più grande di tutti i centri commerciali del mondo.

Passeggiando per Berlino – il Prenzlauer Berg: Non un museo, non una galleria d’arte, non una chiesa, ma un intero quartiere… un  modo “alternativo” per conoscere la città: il Prenzlauer Berg, situato in un’area periferica della ex Germania Ovest, confinante con il muro. Subito dopo la riunificazione della Germania, quest’area fu conquistata da artisti e giovani creativi e divenne il simbolo dell’integrazione tra fasce di popolazione diverse e di multiculturalità. Vale la pena visitarlo semplicemente per godersi questo perfetto esempio della Berlino libera e anticonformista, dove tutto è possibile. Per le strade di questo quartiere si respira un’atmosfera estremamente vivace e la cultura “underground” si mostra in mille diverse sfumature. In particolar modo nelle serate la zona si anima grazie ai tantissimi ristoranti, bistrò e club dove si suona dal vivo o si balla, meta preferita dalla gioventù berlinese.

Monaco

Augustiner:  la più antica fabbrica di birra della Germania è l’Augustiner, fondata dai frati agostiniani nel 1328. Il grande complesso comprendeva l’Augustinerkirche, il convento, la fabbrica di birra e l’annesso locale. Nel 1803 con le soppressioni napoleoniche gli agostiniani sono stati cacciati da Monaco, la chiesa è stata sconsacrata (oggi è sede del Museo di caccia e pesca) e la fabbrica privatizzata.
Nel 1885 la famiglia Wagner, proprietaria dell’Augustiner, trasferisce gli stabilimenti in Landsberger Straße 31-35 dove si trovano tuttora e incarica l’architetto Emanuel von Seidl di rimodellare la birreria-ristorante nella Neuhauser Straße 27, a poca distanza dal luogo originario di fondazione.
La birra Augustiner viene prodotta secondo l’Editto della purezza, il Reinheitsgebot, voluto dal duca Albrecht IV von Bayern nel 1487 e che prevedeva che la birra dovesse contenere solo 3 elementi: luppolo, acqua e malto d’orzo. In seguito si sono aggiunti il malto di frumento e naturalmente il lievito.

Il Museo Bmw: Situato ai margini del Parco Olimpico nel caratteristico edificio avveniristico, che somiglia ad una tazza argentea, il Museo Bmw fa parte dei musei di Monaco di maggior richiamo. In oltre 5.000 mq presenta la storia ed i modelli che hanno reso famosa nel mondo la casa automobilistica bavarese, sorta nel 1915 come fabbrica di motori per aerei. Il marchio BMW arriva nel 1917 e significa Bayerische Motoren Werke, ovvero Fabbrica di Motori Bavarese; il logo rappresenta un elica stilizzata ed i colori bianco e azzurro rappresentano i colori di Baviera. All’interno del museo è possibile informarsi anche su temi attuali quali i sistemi di propulsione alternativi, il riciclaggio e la gestione del traffico. Di fronte al Museo Bmw nel 2007 è stata inaugurata un’opera architettonica chiamata Mondo Bmw dove i più affezionati al marchio potranno ordinare l’auto o la moto dei loro desideri.